La Thyssenkrupp di Torino

In quella notte tra il 5 ed il 6 dicembre 2007

Si spensero lentamente. Tutti. Gli operai come la fabbrica. La Thyssenkrupp di Torino era uno stabilimento sul viale del tramonto. Negli anni la produzione era scesa costantemente. Erano rimasti 200 dipendenti nel dicembre 2007, erano il doppio solo due mesi prima. L’impianto avrebbe cessato di funzionare nel giugno dell’anno successivo. Lo farà con 6 mesi di anticipo. Lo farà portando via con sé le vite di 7 operai. Rocco, Antonio, Roberto, Angelo, Bruno, Rosario, Giuseppe. Vite che si spegneranno, lentamente, a poche ore dall’incidente fino a ad alcune settimane dopo. Non aveva lasciato scampo quella fiammata fortissima, resa implacabile dalle perdite d’olio e dalla pressione che travolse gli operai che lavoravano alla linea 5. Era il turno notturno allo stabilimento in quella notte tra il 5 ed il 6 dicembre 2007. Perché se l’impianto stava chiudendo, di lavoro ve ne era, e anche parecchio, tant’è che alcuni di loro stavano affrontando turni massacranti. Diventeranno vittime di una tragedia del lavoro come poche altre. Tragedia. Può essere chiamata così anche quando i sistemi di sicurezza non funzionano? Quando gli estintori sono scarichi? Quando si vieta di interrompere la produzione in caso di piccoli incidenti per non rovinare l’acciaio in lavorazione? Si sa, la linea 5 chiuderà a breve, manutenzionare gli estintori e tutti gli altri dispositivi di sicurezza sarebbe una spesa poco oculata. Il benessere degli operai è una voce che non conta nella contabilità aziendale. Ciò nonostante la proprietà nega la propria responsabilità, parla di errore degli operai, poi di fatalità. “Se gli estintori avessero funzionato non sarebbe successo nulla” dirà l’unico superstite dell’incidente, Antonio Boccuzzi. Altrettanto poco gradite saranno le lamentele delle famiglie di quegli operai morti, bruciati vivi e morti tra sofferenze indicibili. L’AD della Thyssen, Espenhahn, non era felice del rapporto che fece a riguardo l’operaio Boccuzzi. Raccontava quegli attimi di terrore, raccontava la sofferenza dei suoi colleghi, quell’urlo “Non voglio morire” che riecheggiò durante una delle tante telefonate effettuate quella notte. L’AD pensò di procedere con azioni legali contro l’operaio. Nel frattempo, in questi 11 anni si sono susseguiti i processi a carico degli imputati, dai responsabili della sicurezza e dello stabilimento fino ai vertici della Thyssenkrupp, a partire dallo stesso Espenhahn. Processi che termineranno con la condanna di tutti i colpevoli a pene dai nove ai tre anni. I dirigenti tedeschi dell’azienda, però, non hanno ancora scontato un solo giorno di carcere, essendo residenti in Germania, protetti dalle leggi sull’estradizione, dalla burocrazia e da un sistema che protegge e garantisce il profitto di pochi a scapito della salute e della vita stessa degli operai.


Che bella gente la famiglia Thyssen…


 

Hits: 46

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La Thyssenkrupp di Torino

  1. Un compagno scrive:

    Rimpiango i compagni della RAF tedesca!

  2. Un operaio di Torino scrive:

    I bordelli dei padroni sono pieni di merda.
    I padroni si sono giocati tutto ciò che avevano ora vendono e scappano.
    I due venditori di preservativi non capiscono più un cazzo.
    Hanno fatto le riforme per inculare gli operai, ma i bordelli falliscono.
    Operai, le borse crollano, ma il capitalismo non andrà al cimitero da solo
    Operai, organizziamo il partito per fare il funerale ai padroni e imporre la nostra dittatura.
    Operai basta con i padroni. Operai basta con i loro servi, torturatori e assassini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.