La vera storia di Cesare Battisti

Come abbiamo ricostruito in numerosi articoli (5), Cesare Battisti non è affatto un feroce assassino come si cerca di dimostrare. Battisti venne inizialmente arrestato per gli “espropri proletari” (6). Uscito di prigione nel 1977, aderì ai Proletari armati per il comunismo, un’organizzazione che usava metodi cospirativi terroristici pretendendo di sostituirsi all’azione delle masse. Il fondatore dei Pac era Pietro Mutti, poi pentito, il principale accusatore di Battisti. Battisti fu arrestato di nuovo nel 1979, nell’ambito di una serie di retate a Milano in seguito all’omicidio di un gioielliere, Torregiani: si trattava di un caso di delinquenza comune che, come spesso allora accadeva, venne utilizzato per colpire il movimento milanese. Battisti fu accusato di coinvolgimento in questo omicidio e, fatto assurdo, di aver partecipato anche a un omicidio che avvenne lo stesso giorno quasi alla stessa ora a centinaia di chilometri di distanza (l’omicidio del macellaio Sabbadin, a Udine). È accusato anche senza prove di altri due omicidi e varie rapine. Nel 1981 riuscì a evadere dal carcere di Frosinone dove era rinchiuso e a fuggire prima in Francia, poi in Messico, per poi tornare nel 1990 in Francia, che inizialmente negò l’estradizione in Italia per la già citata dottrina Mitterrand. Dalla Francia è fuggito in Brasile nel 2004 dopo l’accoglimento della domanda d’estradizione da parte dell’Italia ai tempi del leghista Castelli ministro della Giustizia.
La condanna all’ergastolo (in contumacia, poiché Battisti non partecipò al processo) non si può comprendere se non la si colloca nel contesto delle leggi fortemente repressive del periodo. Ci saremmo aspettati che qualche giornalista “democratico” lo ricordasse, ma la canea reazionaria sembra in questi giorni aver pervaso anche le coscienze più “illuminate”. Le cosiddette leggi speciali, inasprite in particolare da Cossiga agli inizi degli anni Ottanta, prevedevano e legittimavano pratiche in tempi di pace sociale stigmatizzate anche dalla borghesia di orientamento liberale: dall’uso spregiudicato dei processi in contumacia all’utilizzo su larga scala di ben poco affidabili dichiarazione di “pentiti” che ricevevano sconti di pena o l’assoluzione nel caso avessero denunciato loro ex compagni (ci sono anche numerose testimonianze di torture e minacce per estorcere pentimenti). Rispolverando vecchie norme del codice fascista mai abolite, ogni organizzazione o associazione politica dell’estrema sinistra diventava suscettibile di accusa di “associazione sovversiva”. Un unico testimone (magari “pentito”) era ritenuto più che sufficiente per condannare militanti politici (si pensi al noto processo “7 aprile” o al caso Sofri). Era frequente l’arresto per “concorso morale” in omicidio. Il senso storico di tutto questo a noi appare chiaro: gli apparati dello Stato approfittavano del riflusso delle lotte operaie per “farla pagare” ad alcuni protagonisti delle proteste di quegli anni e soprattutto dare una lezione, a futura memoria, a tutti i lavoratori e gli operai che pensino di mettere in discussione con le lotte il sistema capitalistico e i suoi profitti…
È in questo contesto – e solo a partire da questo contesto – che possiamo comprendere la condanna e la persecuzione di Cesare Battisti, che ha sempre negato gli omicidi di cui è stato accusato e le cui “colpe” sono quelle di non aver negato la sua appartenenza ai Pac (da cui si allontanò nel 1978) che rivendicarono quegli stessi omicidi e di non aver fatto pubblica abiura del suo passato politico.
Dire oggi, come tutti fanno, a destra come a “sinistra”, che finalmente “giustizia è fatta” significa una cosa sola: rivendicare quella stagione di repressione violenta e indiscriminata da parte dello Stato borghese nei confronti dei movimenti di lotta degli anni Sessanta e Settanta (repressione condotta con il pretesto della “lotta al terrorismo”). Da parte nostra non ci stupiamo del fatto che la borghesia all’occorrenza decida di armarsi fino ai denti per difendere i propri interessi. Ma troviamo veramente disgustoso questo coro unanime da “caccia alle streghe”.
Le gravi responsabilità a sinistra
Che i partiti di estrema destra o razzisti celebrino l’arresto di Battisti e si esaltino per Bolsonaro è cosa scontata. Non ci sorprendono nemmeno le dichiarazioni di autorevoli esponenti del Pd (Renzi in testa) che da sempre sono stati in prima linea nella persecuzione di Cesare Battisti e negli attacchi alla classe lavoratrice. Ma ciò che non era scontato era l’atteggiamento servile e forcaiolo di esponenti di partiti e organizzazioni che si definiscono “di sinistra”. Dalla Boldrini a Fassina, tutti hanno brindato all’arresto in pompa magna organizzato da Salvini e Bolsonaro. Paolo Ferrero, di Rifondazione comunista, oggi rivendica l’amnistia ma si dimentica di ricordare che anche un governo di cui lui era ministro (quando Bertinotti era presidente della Camera) aveva richiesto l’estradizione di Cesare Battisti.
Soprattutto, non possiamo fingere – come fanno in molti – di non vedere il ruolo che ha avuto il presidente della Bolivia, Morales, in questa vicenda. Evo Morales, tra i principali esponenti del “socialismo del XXI secolo” (tanto celebrato anche in Italia da organizzazioni e partiti stalinisti, riformisti e semi-riformisti), ha gettato in un cestino la lettera a lui inviata da Cesare Battisti il 18 dicembre: in quel testo Battisti spiegava la persecuzione di cui è stato vittima e chiedeva che gli venisse riconosciuto lo status di rifugiato in Bolivia (dopo che l’ex presidente del Brasile Temer, per mano del magistrato Luiz Fux, aveva dato l’ordine di estradizione). Ma Morales ha preferito accordarsi in tempi rapidi con i “sovranisti” italiani: in poche ore ha consegnato il pacco regalo al ministro Salvini.
Come Lega Internazionale dei Lavoratori – Quarta Internazionale da sempre abbiamo costruito l’opposizione di sinistra e di classe al governo Morales, che non ha nulla di socialista se non il nome del partito che dirige. Queste ultime vicende ci confermano che avevamo ragione.
Concludiamo questo articolo rivendicando il fatto che la nostra organizzazione internazionale è tra quelli che la stampa e la magistratura hanno definito, in questi giorni di delirio mediatico, i “fiancheggiatori” di Cesare Battisti. Il Pstu, la sezione brasiliana della Lit-Quarta Internazionale, insieme col sindacato di base Csp Conlutas, in questi anni di esilio di Battisti in Brasile ha offerto sostegno e aiuto al “mostro”. Lo abbiamo fatto con convinzione, perché pensiamo che Battisti sia vittima di una vergognosa operazione di vendetta storica. Abbiamo sostenuto campagne internazionali per la sua libertà e continueremo a farlo. Battisti non è un militante: ha semplicemente diritto ad essere uno scrittore e un anziano papà libero. In Italia difendere il suo diritto alla libertà significa anche difendere la memoria di una stagione di mobilitazione operaie e di massa che auspichiamo possano ritornare: non accetteremo di veder tramutati quegli anni di lotte in un trofeo di caccia sul caminetto di Salvini.  
Note
(1) Il ministro dell’Interno Salvini a luglio ha citato Mussolini in un tweet provocatorio: “Tanti nemici tanto onore” ha scritto, riferendosi ai suoi critici.
(2) Rimandiamo agli articoli sul tema pubblicati sulla nostra rivista teorica Trotskismo oggi.
(3) La “dottrina Mitterrand” permise a molti rifugiati della stagione degli “anni di piombo” di ottenere il permesso di risiedere in Francia in cambio del rendersi visibili alle autorità e della rinuncia definitiva alla “violenza politica”.
(4) Rimandiamo alla lettura di un articolo dell’Espresso dove si racconta la storia di Roberto Fiore: “è stato condannato per banda armata e associazione sovversiva come capo di Terza posizione, l’organizzazione che alla fine degli anni Settanta ha riunito alcuni dei criminali più violenti della destra eversiva. Dai ranghi di Terza Posizione è uscita una generazione di stragisti, assassini, rapinatori, sequestratori. Dichiarato colpevole in tutti i gradi di giudizio, Fiore avrebbe dovuto scontare almeno cinque anni e mezzo di reclusione. Invece è scappato all’estero. E a Londra ha fatto molti soldi con appoggi sospetti. Quando rientra in Italia, a quattro giorni dal 25 aprile 1999, è un uomo libero. Ricco. Pronto a guidare un nuovo movimento politico. Neofascista, razzista, pieno di criminali violenti. Come il precedente, ma con una sigla diversa”.
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/12/15/news/soldi-oscuri-servizi-e-delinquenza-tutti-i-segreti-di-roberto-fiore-il-fascista-a-capo-di-foza-nuova-1.316175.
(5) Trovate qui alcuni nostri vecchi articoli pubblicati sul sito di Alternativa comunista (e tradotti in spagnolo e portoghese): https://www.alternativacomunista.it/politica/libert%E0%A0-per-cesare-battisti; https://www.alternativacomunista.it/politica/cesare-battisti-il-mostro-in-prima-pagina
(6) La pratica del cosiddetto esproprio proletario, consistente in rapine funzionali all’autofinanziamento delle organizzazioni politiche, era molto diffusa e praticata negli anni Settanta.
Da http://www.partitodialternativacomunista.org/

Hits: 93

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.