PAICAP (una storia vera)

 

In molti quadri di antica scuola senese esposti in collezioni e musei di tutto il mondo appariva una misteriosa scritta PAICAP.
Come mai?
La fonte di queste opere era un mercante senese, tale Icilio Federico Joni che, come avrete già capito, era un abilissimo falsario.
Joni nacque nel 1866 e appena nato fu esposto alla ruota dei trovatelli.
Dotato di grande ingegno ed enorme abilità, trovò il modo di riprodurre i colori dell’epoca, in particolare il famoso giallo oro, e dipinse pregevoli quadri che poi vendeva come opere di artisti come Cecco di Pietro, Pietro Lorenzetti o Neroccio di Bartolomeo de’ Landi.
Divenne ricchissimo e in vecchiaia decise di pubblicare la sua autobiografia dal titolo “Le memorie di un pittore di quadri antichi”, un libro che fece tremare il mondo dell’arte. Non rivelò però tutti i suoi falsi, ma solo alcuni, raccontando ad esempio come imbrogliò Berenson (nel libro lo chiama con l’anagramma Somberen), uno dei più famosi mercanti d’arte del mondo.
Icilio Federico Joni morì ottantenne nel 1946, di indigestione.
Ancora oggi non si sa quali opere del trecento senese siano autentiche quali invece siano suoi falsi.
Tranne per quelle sulle quali si divertì ad apporre la sua “sigla” PAICAP che era semplicemente un acronimo:

 

PER ANDARE IN CULO AL

PROSSIMO

 

 

 

(Nella foto: Una madonna con Bambino di Icilio Federico Joni)

 

Hits: 45

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.