RAZZISTI!

 

 

Questa mattina, su richiesta del sindaco del comune di Pelago, (PD), i gestori dei richiedenti asilo del territorio hanno affisso cartelli contenenti l’invito rivolto agli ospiti delle strutture a non utilizzare i mezzi pubblici negli orari in cui sono utilizzati dagli italiani che si recano a scuola o al lavoro (come se i migranti non dovessero anche loro andare a scuola o al lavoro).

Forse perché mira a raccattare facile consenso a destra, il PD invita i migranti ad essere ‘invisibili’ e a non disturbare, con la loro presenza sui mezzi pubblici, i bravi cittadini italiani che si recano a scuola o al lavoro. Autobus per italiani e autobus per i migranti. Come non bastasse, nella giornata, si è venuti a sapere che lo stesso sindaco avrebbe chiesto alla compagnia di trasporti che gestisce le linee tra Pontassieve e Vallombrosa, (gruppo RATTP), di creare una corsa apposita per i migranti, per evitare gli orari più frequentati dagli italiani.

Torna insomma in forme più cortesi la segregazione razziale.

Noi non dimentichiamo gli autobus “segregati” che circolavano negli stati del Sud degli USA, con la sezione riservata ai bianchi davanti e quella ai neri dietro, né dimentichiamo le lotte che hanno condotto alla fine di quelle e di altre leggi razziste. Fu proprio in un autobus che nel 1955, in Alabama, una donna nera, Rosa Parks, si sedette nella zona riservata ai bianchi, rifiutando di alzarsi. Il suo arresto da parte della polizia scatenò una reazione della comunità afro americana e l’inizio del movimento per i diritti civili negli Stati Uniti, che prosegue ancora oggi.

In Italia, un’amministrazione PD, in un ‘feudo’ del PD (Pontassieve, ovvero Renziland), non è nemmeno in grado di comprendere la gravità del suo ‘cortese invito’… ma non sia mai: loro sono di ‘sinistra’.

Hits: 14

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a RAZZISTI!

  1. Antonio scrive:

    VERGOGNA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.