Una società terrificante

 

 

Cresciamo e viviamo in una società terrificante, talmente squilibrata, che le ricchezze si moltiplicano con la stessa velocità delle povertà che precipitano, dove il concetto di giustizia è misurato sui vestiti di seta e cashmere, dove la tenaglia dei suoi esecutori raggiunge profondità di tale iniquità che risulta “naturale” e “volontario” mantenere istituzioni repressive per perpetuare all’infinito la persecuzione e il martirio di vittime nel nome di aberrazioni ambientali, economiche, sociali.

Cresciamo e viviamo in luoghi dove regna la carità religiosa, il romanticismo da soap opera, l’abnegazione del salario da fame, l’egoismo della proprietà privata, della pistola nel comodino, la difesa dell’ordine costituito, la trasformazione del suolo in cimitero a cielo aperto, la lapidazione pubblica di individui di un’altra epoca storica, la mistificazione, il depistare e nascondere i responsabili delle stragi, la violenza contro i miserabili della strada, la gogna mediatica, il ladrocinio nelle tasche di chi non ha niente.

Cresciamo e viviamo chiusi fra quattro mura di cemento armato dipinto dalla chimica da laboratorio, stritolati da una educazione obbediente misurata in codici scolastici, indottrinati da una morale dove l’ego acquista punti a discapito del silenzio, barricati dietro porte blindate e torrette a vista, dove anche il suono armonioso del vento diventa onda d’urto di deflagrazione, insultati e derisi da soggetti che frustano la nostra schiena, sette giorni su sette, diventando milionari.

Cresciamo e viviamo sepolti da eserciti di articoli e notizie ricoperte di plastica e menzogne e, nonostante tutto questo, cerchiamo di emanciparci in strade percorse da fumi di monossido, resistiamo ai binari arrugginiti inchiodati sui nostri fianchi, ci sdraiamo esausti sul ciglio dell’orizzonte senza mai attraversarlo, urliamo di libertà con infilato in bocca lo straccio che soffoca.

Ma non è sufficiente, perchè intorno vediamo individui che crescono  e vivono sordi ai lamenti incessanti che lacerano le pareti dei lager, sorridono ai liquami che avanzano fino a cingerci le narici, scendendo in gola e obbligando a  digerirli, abituati ormai alla sovranità di coloro che siedono sui nostri corpi, delegano la vita a carnefici che la toglieranno, distolgono in allegria lo sguardo al baratro, disprezzano la mano tesa del perseguitato, la stessa mano che scomparirà nel fondo del mare.

Ma tutto questo non è crescere, non è vivere. Esseri viventi trasformati in prodotti da masticare e sputare, masticare e sputare. Oggi mi hanno detto che sono un nemico della nostra società, traditore della morale giusta, difensore dei brutti e cattivi, un solitario pazzo che vive nel bosco, un fabbricante di falsità e sogni irrealizzabili, ma sono solo una foglia seccata al sole da un’estate malata, un torrente prosciugato da dighe puzzolenti e marce, un albero troncato da motoseghe astute, una talpa agonizzante da ruspe ripiene di fango, un lago cristallino diventato immondizia.

Non temete, tranquilli, il mio urlo di rabbia e dolore non si sentirà,
travolto e coperto dalle sirene del progresso…

 

 

frecceinversi.wordpress.com

Hits: 25

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.