Voglio pubblicare un mio book personale!

Voglio pubblicare un mio book personale! Alcune tra le migliaia di foto che conservo gelosamente nella memoria del mio telefonino. E non sono nemmeno quelle più crude…anzi! Le pubblico per schifo! Lo schifo di dovere leggere su varie bacheche commenti a cazzo da parte di italianissimi sboroni, ignoranti e presuntuosi. Lo faccio soprattutto in risposta ai commenti di una sgallettata, ai quali non ho replicato perchè non è mia abitudine mandare a cagare le persone sulle bacheche altrui! Leggevo di giovani aitanti e muscolosi che approdano sulle (sempre) italianissime coste, dediti al vagabondaggio, al “pisciaggio” delle macchine altrui e al bivaccamento nelle stazioni, “non mi sembra che scappino da fame e miseria…e se anche fosse, non possiamo certo essere noi a sfamarli” recitava più o meno così il commento. Dello stesso tenore, decine di altri commenti letti qua e là, (per non parlare di quelli sotto agli articoli relativi all’asssassinio di Soumayla). Intanto, bisognerebbe precisare che l'”accoglienza” non è un optional. Questo paese ha l’OBBLIGO di accogliere le persone che approdano sulle “nostre” coste, non per “buonismo” ma in virtù di trattati internazionali stipulati dal ’51 ad oggi. Tra le tante stronzate leggevo, appunto, di maschi neri, aitanti e muscolosi “altro che morti di fame”. Forse qualcuno dovrebbe spiegare alla giovane balilla che non tutti scappano dalla fame e dalla miseria. Che spesso si scappa da guerra, da prigionia, da tortura, da disastri ambientali. E che, se mai dovessimo fare un discorso di razze, sarebbero probabilmente loro la razza superiore. Perchè sì, la maggior parte di loro sono sono di costituzione forti, muscolosi, aitanti. Nonostante le privazioni, le torture, i lunghi digiuni nei campi di detenzione da noi finanziati quando andavamo ad “aiutarli a casa loro”, nonostante le ossa spezzate, le dita mozzate, i genitali ustionati, nonostante gli stupri collettivi, nonostante tutto! Soprattutto, che cazzo parlate di migranti e immigrazione, di richiedenti asilo, di rifugiati, di dublinati, di diniegati, di profughi, di “clandestini” se non sapete distinguere nemmeno l’Africa dall’Asia sulla cartina geografica (che già sarebbe un passo avanti). Che cazzo parlate a fare se non avete mai sentito l’odore della polvere da sparo a pochi millimetri dai vostri nasi di merda. Se non siete mai stati costretti a scappare di notte dai vostri figli, dalle vostre mogli, dai vostri genitori per paura di essere arrestati. Se non siete mai stati appesi a una trave per ore, giorni, settimane. Se non avete mai sentito le scosse degli elettrodi sulle vostre lingue, sui vostri peni, sulle vostre vagine. Se non siete mai state attaccate a un gancio, nude, come animali pronti per essere squartati e violentate da 5/6/7 merde in mimetica tutti i giorni e tutte le notti per mesi e mesi. Se non vi siete mai svegliati sotto le macerie delle vostre case. Se non avete mai visto i vostri genitori, i vostri figli sgozzati sotto ai vostri occhi. Se non avete mai visto morire i vostri figli, i vostri coniugi in mare. Se non avete visto i vostri compagni di viaggio sbarazzarsi dei loro corpi in mare perchè no, trasportare cadaveri sotto il sole cocente non si può. Perchè il rischio di infezioni è troppo altro. Infezioni causate dal deteriorarsi delle carni dei vostri figli, dei vostri coniugi. Se non avete mai bevuto acqua e piscio. Se non siete mai morti dentro. Una, cento volte. Fatemi il cazzo del piacere di levarvi dalle palle, tutti. Perchè i tempi sono cambiati. E quelle catene che gli sfruttati di tutto il mondo portano addosso potrebbero spezzarsi da un momento all’altro. Perchè la loro, la nostra rabbia, vi spazzerà via… e davvero, questa volta, non avremo pietà!

  

 

Un grazie ad Emilia Corea


Ai tuoni e alla pioggia che da stamattina cade su Cosenza. A un mare ingrossato, ad onde alte 4 metri, a una nave ostaggio di criminali in doppio petto. Alle urla, ai pianti disperati dei bambini, alla puzza di vomito, ai corpi ustionati da sale e benzina, disidratati, stanchi, malati. Ai cancelli chiusi della fortezza europa. Alla meschinità dei capi di governo. All’indifferenza di chi resta a guardare lo sceneggiato in tv dei corpi sballottati dal mare in tempesta. All’umana incuranza. Tutti complici, tutti assassini!


 

Hits: 36

Questa voce è stata pubblicata in e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.